Presenta la domanda di ingresso

Requisiti generali per l’accesso – Limiti
Le R.S.A. gestite dalla Fondazione accolgono persone anziane, di ambo i sessi, che:

  •  abbiano compiuto i 65 anni d’età;
  • non siano autosufficienti;
  • siano residenti nel Comune di Brescia o in Provincia di Brescia;
  • non siano affette da patologie psichiatriche in fase attiva o incompatibili con la vita di comunità, ad eccezione della patologia Alzheimer per la quale è previsto l’inserimento nel Nucleo specifico;
  • non siano affette da malattie infettive e contagiose;
  • non siano in stato vegetativo;
  • presentino apposita domanda ed accettino le norme e condizioni regolanti l’ospitalità emanate dalla Fondazione.

L’accoglienza è disposta nel limite dei posti letto previsti dall’Autorizzazione al Funzionamento delle singole strutture.
Domanda di ammissione – documentazione
Le ammissioni nelle R.S.A. avvengono previa presentazione di specifica domanda da parte dell’interessato o, in caso di suo impedimento ed in sua sostituzione, da altri aventi titolo.
La domanda di iscrizione è composta dalla seguente documentazione redatta su apposita modulistica:

Oppure è possibile ritirare la modulistica presso:

  • Servizio Affari Generali della Fondazione in Brescia – Via Moretto n. 4, dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00
  • nella sola giornata di mercoledì dalle 9.30 alle 12.00 presso i Servizi Sociali di ogni singola struttura:
    – R.S.A. “Casa di Dio” in Via Vittorio Emanuele II n. 7 – Brescia
    – R.S.A. “La Residenza” in Via dei Mille n. 41 – Brescia
    – R.S.A. “Alessandro Luzzago” e “Livia Feroldi” in Via della Lama n. 67-73 – zona Mompiano – Brescia

La domanda, debitamente compilata in ogni sua parte, deve essere presentata esclusivamente presso il Servizio Ammissioni situato presso il pianoterra della R.S.A. “Casa di Dio” situato in Via Vittorio Emanuele II n. 7 – orario di apertura al pubblico: lunedì e giovedì dalle 14.00 alle 16.30 – mercoledì dalle ore 9.15 alle ore 11.00.

Ammissibilità della domanda e inserimento nella lista di attesa
POSTI ACCREDITATI E SOLVENTI
La domanda presentata è inserita in lista d’attesa in ordine cronologico. In presenza di documentazione che evidenzi particolari patologie sanitarie o gravi disturbi comportamentali che potrebbero essere non gestibili nell’ambito della R.S.A., prima di procedere all’inserimento in lista d’attesa, è effettuata una valutazione della stessa e, in caso di non idoneità, si procede ad informare l’utente e ad indirizzarlo a tipologie di servizi più idonei.
Per informazioni sulla regolarità della domanda e la posizione in lista d’attesa l’utente può contattare telefonicamente il Servizio Affari Generali della Fondazione (tel. 0304099380 dal lunedì al venerdì in orario d’ufficio).
Considerati i possibili tempi lunghi di giacenza della domanda nella lista di attesa, al momento del verificarsi dell’inserimento in pianificazione ingressi e/o disponibilità del posto, è richiesta una certificazione sanitaria aggiornata sulle condizioni dell’utente, redatta su modulo rilasciato dalla Fondazione, se quella agli atti della Fondazione è antecedente ai tre mesi.
Le liste di attesa sono istituite ed aggiornate distintamente per ciascuna struttura gestita dalla Fondazione. L’utente può dare la preferenza al massimo per due strutture della Fondazione.

POSTI DI SOLLIEVO (minimo 30 giorni – massimo 90 giorni)
La domanda presentata è inserita in lista d’attesa in ordine cronologico che determina la precedenza in presenza di più richieste di prenotazione per il medesimo periodo.
In presenza di documentazione che evidenzi particolari patologie sanitarie o gravi disturbi comportamentali che potrebbero essere non gestibili nell’ambito della R.S.A., prima di procedere alla conferma della prenotazione del posto, è effettuata una valutazione della stessa e, in caso di non idoneità, si procede ad informare l’utente.

Il Centro Diurno Integrato San Carlo Borromeo è destinato ad accogliere persone residenti nei comuni della provincia di Brescia, trasportabili, che presentino una delle seguenti caratteristiche:

    • anziani che presentano una compromissione dell’autosufficienza, inseriti in un contesto familiare o solidale per i quali, tuttavia, l’intervento domiciliare è insufficiente;
    • anziani soli con lieve riduzione dell’autosufficienza in situazione di fragilità che comporta rischio di emarginazione e/o di compromissione rilevante dell’autosufficienza.

Non sono ammissibili persone con:

  • problematiche psichiatriche attive;
  • handicap in età giovane ed adulta;
  • demenza con gravi disturbi comportamentali o elevate esigenze assistenziali;
  • riduzione totale dell’autonomia.

Sono invece ammissibili soggetti con demenza senza gravi disturbi comportamentali.

Il Centro Diurno Integrato è autorizzato ed accreditato per n. 20 posti con DGR n. IX/1668 del 04/05/2011 e contrattualizzato per n. 14 posti.

Domanda di ammissione – documentazione
Le ammissioni al Centro Diurno Integrato avvengono previa presentazione di apposita domanda da parte dell’interessato o, in caso di suo impedimento e in sua sostituzione, da altri aventi titolo.
La domanda di iscrizione è composta dalla seguente documentazione redatta su apposita modulistica:

La modulistica relativa alla domanda d’iscrizione al Centro Diurno Integrato si può anche ritirare presso il Servizio Sociale della R.S.A. “Casa di Dio” di Via Vittorio Emanuele II n. 7 (tel. 030 4099408).
Le domande, debitamente compilate, dovranno essere presentate presso il medesimo Ufficio nelle giornate di:

  • Lunedì – giovedì – venerdì: dalle ore 11.00 alle ore 12.00
  • Mercoledì: dalle ore 11.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.30 alle ore 15.30/li>In previsione dell’inserimento al Centro Diurno Integrato viene eseguito un colloquio con il Medico Referente del CDI e l’Assistente Sociale al fine di valutare l’idoneità alla frequenza. In sede di colloquio viene concordata la data d’avvio e le giornate di frequenza settimanale. Il primo mese di frequenza è da considerarsi come mese di prova.
    In caso si evidenzino particolari patologie sanitarie, complessità nell’azione assistenziale e/o gravi disturbi del comportamento che rendono incompatibile la permanenza al CDI, si procede ad informare l’utente e i suoi familiari ed indirizzarlo a tipologie di servizi più idonei.

Chi può presentare la domanda:
La domanda per accesso a RSA APERTA può essere presentata direttamente dall’interessato, oppure nel caso la persona versi in uno stato di impedimento permanente dal tutore, curatore o dall’amministratore di sostegno
Nel caso in cui la persona sia temporaneamente impedita a presentare la domanda, la stessa può essere presentata dal coniuge o, in sua assenza, il figlio o, in mancanza di questi, altro parente in linea retta o collaterale fino al terzo grado.

Dove presentare la domanda:
Le ASST hanno un ruolo centrale; ad esse competono la valutazione multidimensionale dei bisogni, il coinvolgimento integrato del Comune, la definizione e la responsabilità dei Progetti Individuali di Assistenza (PI), l’erogazione dei voucher (valore, durata, obiettivi) che sosterranno i Piani di Assistenza Individuali (PAI) condivisi fra erogatori e famiglie e il monitoraggio e controllo degli interventi.

Il riferimento per la città di Brescia è:
Unità di Continuità Assistenziale Multi-dimensionale (UCAM)
Viale Duca degli Abruzzi, 13 – Brescia
Telefono con segreteria attiva 24h/24: 030.3838813
Fax: 030.3838329
E-mail (*): ucam.dgd1@aslbrescia.it
Ricezione telefonica: dal lunedì al venerdì (non festivi): ore 9.00 – 12.30
Orari e modalità di accesso del pubblico: dal lunedì al venerdì (non festivi): ore 9.00 – 12.30.

L’UCAM, una volta effettuata la valutazione dei bisogni della persona consegna, entro 10 giorni lavorativi, alla persona l’esito della valutazione.
In caso di accoglimento della richiesta, viene predisposto il Progetto Individuale che deve contenere:

  • l’indicazione della misura per la quale viene attivato il progetto
  • gli obiettivi e le prestazioni/interventi più adeguati a rispondere al bisogno
  • il valore del voucher commisurato al bisogno
  • la durata ipotizzata del progetto

Il cittadino può scegliere liberamente l’Ente cui rivolgersi per l’erogazione del voucher, dall’elenco delle Strutture che hanno aderito alla misura “RSA APERTA”, nel caso opti per la nostra realtà deve scegliere Fondazione Casa di Dio Onlus.

I Mini Alloggi Protetti per Anziani sono destinati ad accogliere persone anziane di età
superiore ai 65 anni compiuti alla data di presentazione della domanda,
prioritariamente con residenza nel Comune di Brescia, che presentino le seguenti
caratteristiche:

    • singoli o coppie, che conservano un sufficiente grado di autonomia e che tuttavia
    • abbisognano di un ambiente controllato e protetto;
    • con fragilità sociale (es. reti familiari rarefatte e residuali);
    • con lievi difficoltà, conservata capacità deambulatoria, anche con l’utilizzo di ausili;
    • con assenza di disturbi comportamentali che conservino tuttavia un sufficiente
    • grado di autonomia, pur se all’interno di un ambiente controllato e protetto
    • (Barthel superiore a 75-IADL di almeno 6/14);
    • che presentino patologie gestibili al domicilio con conservazione della capacità di
      assumere autonomamente la terapia, anche se preparata in anticipo.

Non sono ammissibili persone:

  • non autosufficienti necessitanti di assistenza socio sanitaria continua;
  • con problematiche psichiatriche attive;
  • con demenza;
  • in età giovane ed adulta con disabilità.

Domanda di Assegnazione – documentazione
Le assegnazioni dei Mini Alloggi Protetti per Anziani avvengono previa presentazione di
apposita domanda da parte dell’interessato. La domanda di ammissione è composta dalla seguente documentazione redatta su apposita modulistica:

    • Domanda di Assegnazione Mini Alloggio Protetto (ACQUISISCI)
    • Certificato Medico redatto su modulo prestampato della Fondazione Casa di Dio Onlus (al verificarsi della disponibilità dell’alloggio, sarà richiesto un nuovo certificato medico aggiornato sulle condizioni dell’utente) (ACQUISISCI)

La modulistica relativa alla domanda di assegnazione dei Mini Alloggi Protetti per Anziani si può ritirare anche presso il Servizio Sociale della R.S.A. “Casa di Dio” di Via Vittorio Emanuele II n. 7 (tel. 030 4099408)
Le domande, debitamente compilate, dovranno essere presentate presso il medesimo Ufficio nelle giornate di:
◦ lunedì – martedì – giovedì – venerdì: dalle ore 11.00 alle ore 12.00
◦ mercoledì: dalle ore 11.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.30 alle ore 15.30
Scarica la carta dei servizi

La Comunità-residenziale “Anziani al centro” è situata in un immobile di proprietà della Fondazione di notevole pregio storico-artistico posto nel cuore della città in via Moretto, 6 (dietro alla Chiesa di S. Carlo).
Si tratta di un nuovo servizio pensato per offrire una opportunità di residenza a bassa protezione a 12 persone, di età superiore ai 65 anni, che pur avendo qualche difficoltà nella gestione della vita quotidiana (effettuazione dell’igiene, preparazione di pasti, assunzione della terapia etc..)
sono ancora in grado di vivere in una dimensione domestica. Vi sono 4 camere doppie e 4 camere singole, con i relativi servizi igienici, una cucina e ampi spazi di vita comune quali una sala da pranzo, un soggiorno (con postazione p.c.) ed una bellissima terrazza posta all’ultimo piano. Tutti i locali sono privi di barriere architettoniche e i piani sono fra loro collegati da un ascensore. E’ garantita la presenza nelle 24 ore di personale ausiliario, l’assistenza infermieristica in base al bisogno e la presa in carico globale da parte di una Assistente sociale.

Domanda di Ammissione – documentazione

    • Domanda di Ammissione (ACQUISISCI)
    • Certificato Medico redatto su modulo prestampato della Fondazione Casa di Dio Onlus (al verificarsi della disponibilità dell’alloggio, sarà richiesto un nuovo certificato medico aggiornato sulle condizioni dell’utente) (ACQUISISCI)
    • Informativa (ACQUISISCI)

Per ulteriori informazioni contattare l’Assistente sociale Adriana Bramè (tel. 030-4099408) per concordare un appuntamento, visitare la Comunità ed eventualmente compilare la domanda di ammissione.